Pansonica!

pansonica-copertina

Ecco qua: questo è il nostro nuovo disco. Uscirà il 16/9. E’ un disco di 6 inediti e un pezzo edito. In tutto 7 canzoni. Con esse festeggiamo a modo nostro i venti anni di Catartica ed i venticinque anni dei Marlene Kuntz, che nascevano nell’autunno del 1989.

Ragazzi, amici, signore e signori, questo è un gran regalo che vi facciamo. Non si tratta di deluxe version con riempitivi di b-side e rarità assortite (cosa peraltro consueta e lecita): c’è di più.
C’è un sacco di creatività, c’è un sound che spacca i culi, c’è tiro, ci sono canzoni inedite. E così Catartica è celebrato nel migliore dei modi possibili. Come? Lo scoprirete. Ve lo sveleremo poco per volta e vi terremo quanto più possibile col fiato almeno un po’ sospeso.
E chiaramente questo disco non sarà tutto, relativamente alle feste di Catartica…

Ultima cosa (per ora): il titolo?
Beh: se celebriamo Catartica ci appropriamo del titolo di una delle sue canzoni più rappresentative e amate dal nostro pubblico, e lo investiamo del ruolo simbolico e carismatico di richiamo di una suggestione, di una evocazione, di un suono (anche nella/della parola stessa) che riconduca al titolo primigenio.
Elementare Watson, no?

Marlene

#Pansonica #Catartica #nuovodiscoMK

Pansonica

pedaliereCris_rid

Queste le pedaliere di Cristiano usate nel nostro nuovo dischetto. C’è del materiale molto figo. Il sapore è di roba forte, che scuote dentro e fomenta, che accende e incendia. E esplode.

“Quando esplode? Quando cazzo esplode? E che cosa succederà mai?”

Meno 50 giorni

foto: Simone Felice Zavattaro

#Pansonica #Catartica

Parola indovinata

Ve lo abbiamo detto che la parola di nove lettere (inizia per P, finisce per A) è stata indovinata. Due o tre fra le ipotesi non azzeccate erano particolarmente gustose (d’altronde esiste anche un sito che ti da tutte le parole possibili di nove lettere che iniziano per P e finiscono per A, questo: http://icon.cat/worder/ricercaparole/UC4uLi4uLi5B e dunque le ipotesi gustose lo erano anche per le motivazioni addotte). Ebbene? Domani ve la diciamo. Steitiund…

ps: una piccola anticipazione? In quel sito la parola da indovinare…non è contemplata. Nonostante le decine di soluzioni proposte.

foto: Simone Felice Zavattaro

http://instagram.com/MarleneKuntzOfficial

Parola di ieri indovinata!

Ci sono volte in cui sopravvalutiamo le potenzialità della gente, perché poi capita che le risposte o i modi di palesarsi di qualcuno ci facciano cascare le palle. Ma ci sono altre volte in cui qualcuno ci permette di registrare anche la sensazione contraria: ovvero che le sottovalutiamo.
Insomma: ieri la parola di 9 lettere è stata indovinata.
Inizia per P e finisce per A. E la definizione d’aiuto per risolvere l’indovinello andava saputa interpretare bene, di sicuro con un po’ di arguzia e/o voglia di starci a riflettere su (o almeno pensiamo). Vladimir Nabokov, che era un quasi-genio, sosteneva che una delle più alte forme di intelligenza umana sta nella risoluzione degli indovinelli. Noi mediamente non siamo di sicuro fra coloro che spiccano in questa “disciplina”, per cui lo scoprire di aver sottovalutato qualcuno in tal senso ci relega di colpo nel regno dei presuntuosi, e in questa condanna ci rincantucciamo con utile e vago ridimensionamento.

Dunque.. complimenti!

Ma di cosa si tratta? E qual è la parola giusta? Ci divertiamo a lasciarvi congetturare un po’. E vi diciamo intanto che si tratta di nostre nuove musiche.

foto: Simone Felice Zavattaro

http://instagram.com/MarleneKuntzOfficial

Ma dunque, che succede in casa Marlene? Parola di nove lettere.

In questa foto sembrerebbe noi stessimo dormendo, nevvero?
E no invece: stavamo ascoltando con l’attenzione che solo il musicista alle prese con le sue creazioni sa ottenere da se stesso.
E cosa stiamo ascoltando? Sembrerebbe noi si sia in uno studio di registrazione…
Dunque: nostre creazioni. In uno studio di registrazione. Di questi tempi. In questi giorni.

Parola di 9 lettere: inizia per P. Finisce per A. Definizione: il tutto, del suono, col suono, nel suono.

foto: Simone Felice Zavattaro

http://instagram.com/MarleneKuntzOfficial

#Catartica - ventennale (e varie sorprese in avvicinamento)

Sempre per il baratto (ricordate? voi ci inviate cose storiche, dell’epoca, o attuali, ma attinenti a Catartica) e noi vi inseriamo in una mailing list privilegiata, anticipatrice di avvisaglie e pre-news…
Norma ci ha inviato una foto di Cristiano, fatta nel tour di Catartica.
Fu una data a Fontevivo, provincia di Parma.
La curiosità non è tanto nel fatto che già all’epoca il Godano rideva (ahivoi: questa è proprio fuori cliché nevvero?), ma nel fatto che…è una foto in carne e ossa! Sapete: all’epoca chi voleva un bel documento visivo, una bella testimonianza da tramandarsi a posteri e compagnia bella, si portava appresso la macchina fotografica, questo oggetto antico e ingombrante. Ovvero se la portavano pochissime persone, gli amatori del genere per così dire, e posare per una foto era episodio raro: la rockstar in questione (o futura tale) si predisponeva al gesto col suo carico di novità e lo gestiva con una energia particolare. Ora che il telefonino ha dotato di una macchina fotografica tutta l’umanità, le foto vanno e vengono come la polvere, e capita più che sovente di farsi ritrarre con facce distrutte dalla fatica post-concerto per poi rivedersi (sui social) brutti, smagriti, annichiliti, simil-tossici, al fianco di dolci fanciulle gioiose e vitali o energici maschietti sorridenti e tonici.
Ma tant’è.

http://instagram.com/MarleneKuntzOfficial

#catartica

#Catartica e la Kadett di Tesio

Sempre per la divertente iniziativa del “baratto” (che ormai conoscete, nevvero?), ci è stata girata da Angelo questa locandina dal look decisamente stagionato e fascinoso, che riporta(va) la foto ufficiale che facemmo per la promozione di Catartica: quattro individui allampanati e stralunati, disposti come dei condannati di fronte a un plotone d’esecuzione (evidentemente un fotografo assassino).
Il concerto si svolse nel Luglio del 1995 (il 14, per la precisione, quasi 20 anni fa esatti), a Bosa.
Ricordiamo con evidenza due cose: 1) gli amici Antennah, gruppo spalla, grazie ai quali venimmo a conoscenza del grande Niels Jensen, loro amico, autore dei nostri video di “Canzone di oggi”, “Canzone di domani”, “Infinità”, “L’odio migliore”, “Bellezza”.
Li salutiamo con molto affetto, anche se non esistono più come band 2) Come dimenticarsi il trasferimento in auto (la mitica Opel Kadett Corsa nera di Tesio – questa: http://goo.gl/nX77k8 - angusta, stretta, scomoda, quanto meno grintosetta) sulla quale, in quattro, con gli strumenti annessi (avete letto proprio giusto), ci facemmo il tragitto (no air conditioned) da Porto Torres in giro per la Sardegna per un mini tour? (E se dovessimo ricordare male… beh, allora non era una Opel, ma un treno. Sì, un fottuto trenino ciuf ciuf… Ci facemmo anche quello una volta. In Sardegna. Proprio così)… (ne siamo quasi certi: qualcuno ci rinfaccerà che quelli erano i tempi in cui eravamo veri e rock’nroll.
E noi rideremo di gusto, felici di non essere più così “veri e rock’nroll” in quel modo)

http://instagram.com/MarleneKuntzOfficial